La trasformazione di Cher Lloyd

Il primo articolo di novembre è dedicato a Cher Lloyd.

Wow. Questo è ciò che dico quando penso a Cher Lloyd. Facciamo prima un recap della sua breve carriera. Cher Lloyd è una cantante inglese uscita da X Factor nel 2010, lo stesso anno di 1D e Rebecca Ferguson. Qualche mese dopo è uscito il primo singolo, “Swagger Jagger”, numero uno in Inghilterra ma non tanto acclamato dalla critica, ed il suo primo album, “Sticks + Stones”. La carriera di Cher Lloyd ha poi preso una piega inaspettata grazie a L.A. Reid, per chi non lo conoscesse leggendario produttore di tanti, troppi artisti di successo. L.A., collega di Simon Cowell a X Factor negli USA, si è artisticamente innamorato di Cher e ha deciso di farla diventare una stella anche in America. Prima cosa curiosa: perché non ci ha pensato Cowell stesso a farla diventare famosa negli Stati Uniti, visto che lui l’ha vista crescere ed esibirsi sul palco del talent inglese? Era forse troppo impegnato con i suoi 1D?

Comunque, per far esplodere Cher nel mercato americano, è stato pubblicato il singolo “Want U Back”. Seconda cosa curiosa: in UK la versione di “Want U Back” che è stata rilasciata come singolo conteneva una strofa rappata da Astro, concorrente di XF USA capitanato dallo stesso L.A., mentre nel singolo americano questa strofa è sparita. Perché? La canzone non ci ha né perso né guadagnato, quindi perché metterla per poi farla sparire? In compenso è uscito un remix con Snoop Dogg che prende il posto di Astro, ed anche in questo caso la canzone né ci perde, né ci guadagna. Poi è stato girato un nuovo video (ovviamente senza Astro) dal sapore tipicamente americano, nello stesso posto in cui è stato girato “Forget you” di Cee Lo Green. Successivamente, in contemporanea con l’uscita dell’album in America, è stato rilasciato anche un altro singolo, “Oath”, in collaborazione con tale Becky G (non c’è una voce che la riguarda su Wikipedia, non ho la più pallida idea di chi sia). E qua mi è venuta l’ispirazione per questo articolo.Oath è una canzoncina pop (Dr.Luke), con tante belle parole sull’amicizia. Gradevole, leggera, spensierata, ma insipida. Aggettivo che non rispecchia affatto Cher Lloyd. Al suo primo provino Cher aveva stupito per la sua grande voce, il suo carisma e la sua padronanza del palco, era stata subito riconosciuta per quel talento unico che è, era nervosa ma aveva messo comunque in luce tutte le sue doti. Cher inoltre sin dall’inizio del suo cammino ad X Factor si era distinta per essere una rapper, forse non una vera e propria MC, ma comunque nei vari live shows aveva interpretato alcuni successi di Jay-Z ed Eminem.

Ora invece Cher sembra una principessina del pop, pettinata, truccata, aggiustata e preparata, e mi sembra che stia diventando una brutta copia di Miley Cyrus. Il video di Oath è un video che oserei definire terribile, ma preferisco definirlo poco valorizzante: un video scemo pieno di adolescenti e macchinoni che ricorda Friday di Rebecca Black, mentre lei se ne va in giro tutta agghindata strana come una teenager viziata, fa da testimonial per alcune pubblicità inserite di qua e di là come ormai capita nei videoclip troppo spesso (purtroppo), e alla fine di tutto ciò esce dal mare in bikini come se fosse un’icona sexy alla Ursula Andress. E’ che questa la Cher Lloyd di cui si sono innamorati i Brats? E’ questa la Cher Lloyd che ha stupito al suo primo provino per X Factor? (Tra l’altro il provino di Cher è il secondo video più visto del canale di XFactorUK, ma siccome c’è un altro video del provino con qualche milione di visualizzazioni in più, probabilmente quello di Cher è il provino più visto su Youtube). Cher mi era sembrata un’artista più divertente e coraggiosa di una pop princess, meno convenzionale, più decisa ed aggressiva. Forse si sta allontanando dalla sua natura inglese per essere più vicina ad uno status symbol a stelle e strisce, ma sinceramente, non sono sicuro che sia la scelta migliore per la sua carriera. Deve tornare ad essere un po’ pazzarella e bitchy, deve tornare sulla vecchia strada (secondo me).

Cher Lloyd

Cher Lloyd (Photo credit: Beacon Radio)

Ciao a tutti!

PS Andate a vedere qual è il video più visto sul canale TheXFactorUK…

Annunci

One thought on “La trasformazione di Cher Lloyd

  1. Pingback: Cosa ci aspetta nel futuro « The Show Must Go

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...